Descrizione percorso Randonnèe della Giulia 2020

 

Giunta alla sua ottava edizione, anche in questo 2020 la Randonneè della Giulia offrirà l’opportunità di pedalare su nuovi percorsi attraverso il territorio della Venezia Giulia, scoprendo panorami mozzafiato.

Oltre al percorso di 200 km per i brevettisti ARI e quello corto di 100 km, quest’anno la manifestazione si arricchisce di 2 nuovi percorsi: un percorso per mountainbikers – la MTBRando – di 37 km e un percorso per famiglie – la RandoFamily – di 20 km, così da far conoscere più diffusamente il meraviglioso mo.do dei randoneurs. Tutti i percorsi si svolgeranno esclusivamente nelle province di Trieste e di Gorizia (a Ts la 100 km, la MTBRando e la RandoFamily, a Ts e Go la 200 km).

La partenza è prevista dal Centro Lanza di Prosecco (località Prosecco n.13 – 34010 Sgonico) tra le 7:30 e le 8:30 per la 200 e la 100 km, alle 9:30 per la MTBRando e alle 10:30 la RandoFamily.

DESCRIZIONE PERCORSO SU STRADA 200 E 100 KM: dopo la partenza, procedendo verso il sentiero ciclopedonale “Cobolli” si potrà subito ammirare la maestosità del Santuario di Monte Grisa, Tempo Nazionale Mariano. I saliscendi attraverso i boschi condurranno sulla ex SS202 dove poco dopo, alla rotatoria, s’imboccherà a destra la Strada Nuova per Opicina proseguendo per la lunga discesa che condurrà al centro di Trieste e da dove si potrà ammirare un panorama davvero suggestivo della città. Arrivando alla Stazione Centrale si percorreranno le Rive gustandosi la marina sulla destra ed i magnifici palazzi del centro sulla sinistra, inclusa la solenne Piazza dell’Unità d’Italia. Percorrendo il Campo Marzio, la via Baiamonti e l’antica via Flavia si arriverà al porticciolo della splendida cittadina di Muggia in direzione del confine con la Slovenia, giunti in prossimità del quale, svoltando a sinistra in direzione Chiampore, si affronterà la prima dura salita di 2 km che condurrà al magnifico santuario romanico di Santa Maria Assunta a Muggia Vecchia. Qui si potrà fare rifornimento d’acqua alla fontana, approfittando della sosta per vedere dall’alto l’intero Golfo di Trieste. Dopo una ripida discesa con un tratto in pavè (da affrontare con cautela), si ripasserà per Muggia attraverso il tunnel in direzione Trieste. Prima della galleria di Aquilinia si girerà a sinistra in direzione Stramare per salire sul Montedoro (ci sono alcuni strappi notevoli) e raggiungere Caresana dopo circa 6 km; quindi in discesa per transitare a Bagnoli della Rosandra e da qui si salirà a Basovizza dopo 9 km molto impegnativi. Ora giù tutta imboccando la SP1 per raggiunge Opicina, da qui a B.go Grotta Gigante dove, percorrendo la “Strada del Terrano” si potranno ammirare i caratteristici Paesini carsici fino a raggiungere Sistiana dove, alla rotatoria, i percorsi si divideranno. I partecipanti che faranno i 100 km, gireranno a sinistra e s’involeranno al traguardo percorrendo la SP1 (12 km tutti in leggera salita).

I più temerari brevettisti, girando a destra, proseguiranno in direzione Monfalcone sulla SR14. A San Giovanni al Timavo si svolterà a destra sulla SS55 (Strada del Vallone) fino in località Peci (si gira a sinistra), per imboccare poi la Pot na Roje costeggiando l’aeroporto per raggiungere così Gorizia dove al ponte di Piuma si attraverserà l’Isonzo – fiume tanto caro alla Venezia Giulia – per affrontare i 5 km di dura salita che condurranno, attraverso il Sacrario Militare di Oslavia, fino a San Floriano. Qui sarà posizionato il punto di controllo ufficiale (l’altro sarà posizionato a sorpresa lungo il percorso) nonché il punto di ristoro e si potrà approfittare per gustarsi un panorama unico del magnifico territorio del Collio. Quindi, si scenderà verso Cormons per poi svoltare verso Capriva del Friuli, Moraro e Gradisca d’Isonzo. Da qui, raggiunta la bellissima cittadina di Sagrado, i ciclisti affronteranno l’ultima impegnativa salita verso il M.te San Michele per svoltare poi a destra in direzione Selz e raggiungere Monfalcone passando per via Galilei, C.so del Popolo, via Romana e riuscire sulla SS14 in direzione del traguardo di Prosecco che, attraverso la SP1, raggiungeranno dopo ben 200 km.

Ricordando a tutti che il mondo delle randonneè è un ambiente dove non esiste competizione e si pedala in compagnia di amici e di compagni improvvisati; tutti comunque amanti della natura e nel pieno rispetto di ogni utente della strada, del paesaggio e dell’ambiente che ci circonda.

A partire dalle ore 13:00 circa l’asd Alabarda Bike Team organizzerà per tutti i partecipanti un pasta party e, per i più piccini, un pizza party. Alle ore 17:00 circa sono previste le premiazioni.

BUON DIVERTIMENTO A TUTTI.

Il presidente

Renato Dussatti